#gitefuoriporta, Europa, Italia

#gitafuoriporta: Padova. Cosa vedere in un giorno

Ci sono zone, paesi e città, che, chissà perché, non avevamo mai preso in considerazione. Una di queste è Padova, meta della nostra gita fuori porta dello scorso week end.

Metti un amico appassionato di scienza e una mostra dedicata a Galileo Galilei ed ecco un buon pretesto per non rimanere tutta la domenica a poltrire sul divano.

Confesso, siamo partiti senza la solita “to do list”, ma questa città ci ha comunque colpiti, molto piacevolmente.

Se penso a Padova, però, credo che nessuno le abbia mai reso giustizia quanto merita.

In questo post vi porto a scoprirla con noi.

Palazzo del monte di Pietà

E’ qui che fino al 18 marzo si svolge Rivoluzione Galileo, un’interessantissima mostra dedicata al genio del rinascimento italiano, motivo della nostra visita.

Il palazzo, di origine medievale, ha un bellissimo loggiato affacciato su Piazza Duomo ed è sede di  numerosi eventi espositivi.

Piazza dei Signori e Torre dell’Orologio

Non essendoci documentati prima di partire, siamo capitati qui per caso, passeggiando e lasciandoci trasportare dal flusso di persone presenti in città in una domenica di sole.

Da piccola avevo una bussola, non sapevo nemmeno come utilizzarla, ma mi piaceva portarla con me immaginandomi in mille avventure. L’orologio astronomico (tra i più antichi al mondo) presente sulla torre dell’orologio mi ha riportato a quel momento della mia vita. Forse è per questo che mi ha colpita così tanto, mi ricorda la passione per l’ignoto da sempre presente in me. E poi è bello, è davvero bello! Con la sua tinta color petrolio, domina sulla piazza e sui passanti.

La basilica di Sant’Antonio

Padova è altresì conosciuta come la città del Santo.

Dunque, che si sia ferventi fedeli oppure no, la basilica di Sant’Antonio è una tappa obbligatoria in città.

Si tratta di una basilica davvero enorme; ha una facciata romanica con archi rampanti in stile gotico, cupole in stile bizantino che ricordano dei minareti. Ringrazio il tempo di esserci stato clemente e di averci regalato lo spettacolo dei campanili gemelli stagliarsi verso il cielo blu fiordaliso.

 

Ricco di notevoli tesori spirituali, artistici e storici, l’interno è altrettanto affascinante. I numerosissimi ex voto appesi alla tomba del Santo e la luce del sole che filtra attraverso i finestroni colorati andranno dritti al centro della vostra parte più sensibile.

La Cappella Scrovegni

Altra tappa irrinunciabile.

La Cappella degli Scrovegni non è un capolavoro. E’ qualcosa di più. Perchè sembra prendere vita.

Si tratta di un ciclo di affreschi realizzati da Giotto per la famiglia Scrovegni, narranti le storie di Maria e di Cristo. La cappella in sé ha una architettura molto semplice: è un’aula rettangolare con una volta a botte.

La maestria di Giotto però riesce a raccontare una storia, una storia di emozioni, da leggere da sinistra a destra e dall’alto al basso. Non è necessario essere esperti di arte per cogliere i sentimenti universali rappresentati sui volti dei personaggi e per rimanere a bocca aperta di fronte ai finti marmi che ben riescono nell’intento di sembrare veri. Per non parlare della bellezza cromatica dell’ “Azzurro Giotto”!

Potrete prenotare la vostra visita qui: http://www.cappelladegliscrovegni.it/index.php/it/

L’orto botanico

Avete presente quei luoghi di cui non conoscevate l’esistenza e che visitereste altre 1000 volte? Ecco, da ora in poi entra ufficialmente a far parte della mia list of places l’orto botanico di Padova, il più antico del mondo. Vorrei poterlo avere ad una passo da casa mia per poterci andare tutti i giorni. Perché è uno di quei posti pieni di energia, di colori e di belle emozioni.

Si tratta di un orto nato per facilitare gli studenti universitari nello studio e nel riconoscimento delle piante medicinali ed ospita anche un giardino delle biodiversità, all’interno del quale si può viaggiare attraverso tutte le zone climatiche della Terra, ospitate sotto luminose serre ad impatto quasi zero.

Imperdibile!

Infine, passeggiate, sotto i portici e tra i numerosi negozi e cafè del centro storico, troverete un sacco di angoli che vi sorprenderanno per la loro dolcezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.