Asia, Cina

La Cina dei miei sogni

La Cina è stata da sempre il grande sogno di Primo, l’idea di poter poggiare i piedi sulla Grande Muraglia e di perdere il proprio sguardo nella natura lussureggiante di Guilin non poteva, per un ambizioso come lui, rimanere un mero desiderio; così, dopo aver acquistato la Lonely Planet ed avermi consigliato di leggerla, mi ha contagiato con il suo sogno.

Ci siamo informati qua e là fissando la data della partenza nella primavera successiva. La speranza era quella di trovare il clima ideale per affrontare giornate impegnative e molto stancanti; così è stato, a parte un po’ di pioggia (prevedibile) a Guilin.

A Settembre 2016 abbiamo prenotato il volo Air China Malpensa-Pechino e ed Aprile 2017 siamo partiti. Facciamo quasi sempre così, perché organizzandosi con buon anticipo si riesce a risparmiare un bel po’!

Con Air China ci siamo trovati molto bene: l’unico intoppo incontrato, relativo alla cancellazione del volo intercontinentale, è stato risolto con facilità chiamando il call center con operatore italiano.

Nelle settimane successive ci siamo dedicati alla ricerca di voli interni, acquistati poi su http://www.chinatraveldepot.com; si sa, la Cina è enorme ed in ogni caso non avremmo potuto viaggiare “on the road” (i turisti, ahimè, in territorio cinese non possono guidare).

Passo fondamentale: per visitare la Cina è indispensabile il visto turistico, rilasciato dai consolati cinesi in Italia. Se come noi, non ne avete uno vicino, potete rivolgervi ad agenzie specializzate che si occuperanno di tutto, come http://www.cstvisti.it. In due, massimo tre settimane, sarete a posto con i documenti.

Non dimenticate una assicurazione di viaggio, in rete se ne trovano molte; con una spesa di circa 100 Euro a coppia potrete averne una completa che vi consentirà di affrontare il vostro viaggio in totale sicurezza.

Ma veniamo all’itinerario (18 giorni), che è stato stilato, come sempre, partendo dalla nostra “to do list”:

Pechino, intrisa di contraddizioni, con la Città Proibita, il Palazzo d’Estate, i parchi e i caotici mercati; la Grande Muraglia (tratto Jingshaling-Simatai Occidentale);

Xi’an, il mercato musulmano e l’Esercito di Terracotta;

Chengdu, capitale del panda gigante e la vicina Leshan, città del Buddha, il più grande del mondo, costruito per calmare le acque del fiume su cui si affaccia;

Guilin, con le sue montagne e i suoi fiumi, per gli stessi cinesi “i migliori sotto il cielo”. Le piantagioni di tè (nello specifico noi siamo stati al Guilin Tea Research Institute). Le risaie a terrazza di Longsheng“la Spina dorsale del Drago”.

Shanghai, lo skyline, l’architettura coloniale e le città d’acqua.

Come potrete immaginare e come abbiamo immaginato noi, la Cina è un gran casino: l’inglese è parlato pochissimo e se credete che i cinesi siano tanti, non illudetevi, sono molti, ma molti di più di quello che pensate (in metropolitana vi “girerà la testa”)!!! Quindi per evitare di incappare in troppi contrattempi abbiamo ritenuto opportuno prenotare dall’Italia alcune escursioni (ci siamo rivolti a Viator). Con il senno di poi vi consigliamo di non farlo, ma di organizzarvi con le agenzie del luogo: magari ci vorrà un po’di pazienza (in generale ve ne servirà molta), ma questo vi permetterà di evitare le commissioni dei siti specializzati e di risparmiare qualche soldino!

Qualche consiglio sull’abbigliamento?! Bé, a prescindere dal periodo, indispensabili scarpe in goretex ed impermeabile, abiti comodi (se vi vestite a cipolla non sbagliate mai) e non dimenticate qualcosa di carino da mettere per una cena al Ritz Carlton di Shanghai, davanti ad un buon cocktail e ad una vista mozzafiato sul Bund.

Costo a persona: 1700 Euro

La quota comprende:

volo internazionale a/r (Milano/Pechino; Shanghai/Milano), voli interni, tutti i pernottamenti in hotel 4 o 5 stelle, assicurazione di viaggio, visto turistico.

La quota non comprende:

le cene o pasti non indicati nel programma, bevande ed extra personali negli hotel, le escursioni.

Ni hao!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.